DIRETTIVO

foto-direttivo

GIULIANO ANDREOLI: ragioniere, ex dipendente bancario ora pensionato. Dal 2007 Tesoriere della nostra Associazione

MARINA BANZI: Sono Marina Banzi, ho sempre lavorato come impiegata commerciale e da quando mi sono ammalata di tumore ho cominciato ad interessarmi al volontariato. Da circa 10 anni sono volontaria di segreteria. Questo è il mio secondo mandato come consigliere nel Direttivo e mi auguro di svolgere questo ‘lavoro’ nel miglior modo possibile in funzione degli interessi dell’Associazione e di tutte le persone che ne usufruiscono. Spero di portare il valore aggiunto della mia esperienza rispetto alla malattia.

ANNADINA BATTAGLIOLI: maestra d’arte ora pensionata, referente dalla data di costituzione ( settembre 2005) del Gruppo Operativo di Finale Emilia della nostra Associazione

GIOVANNA BREVEGLIERI: ‘colonna storica dell’Associazione’, sono attiva fin dalla sua nascita, da sempre impegnata negli eventi per la raccolta fondi. In particolare mi occupo della ristorazione.

ENRICO DOTTI: laureato in giurisprudenza, impegnato da anni nella politica locale.

GIOVANNI FIORINI: volontario attivo come autista e per gli eventi presso il punto informativo di Finale Emila.

CHIARA GASPERI: Sono legata a questa Associazione e l’ho conosciuta in occasione della malattia di mia Mamma; in Amo ho trovato competenza, serietà, comprensione, attenzione al malato e alle famiglie. Contro certe malattie non si può proprio fare nulla, ma condividere insieme con personale preparato è sicuramente un po’ più sopportabile. Dire il mio SI’ a questa candidatura significa far rivivere mia Mamma, portare avanti tutti i valori di amore per gli altri che così profondamente mi ha trasmesso nel quotidiano.
Desidero far conoscere l’Associazione da un punto di vista umano, far sapere che tutte le attività di raccolta fondi permettono, ad esempio, di accompagnare i malati alle terapie in forma gratuita.
Lasciamo il mondo un po’ migliore di come lo abbiamo trovato, lasciamo la nostra piccola orma sulla sabbia..

DIANA GAVIOLI: assistente sanitaria in pensione, sono attiva nell’Associazione fin dalla sua nascita. Mi dedico in particolare ai progetti di prevenzione nelle scuole. Mi piace molto il contatto con i giovani, collaboro infatti con le associazioni territoriali per creare spazi anche all’interno dell’Associazione dove i giovani possano svolgere brevi tirocini ed avvicinarsi al mondo della malattia e del volontariato.

MAURO MARAZZI: medico di famiglia di Mirandola, sono attivo nell’Associazione fin dalla sua nascita. In qualità di medico di famiglia nel Direttivo sono impegnato per le progettualità dedicate ai pazienti e per creare una cultura sulla malattia e sulla medicina che preservi la dignità delle persone.

DORIANO NOVI: medico di famiglia di San Felice, sono anche poeta dialettale locale, da sempre impegnato nell’assistenza ai malati al domicilio. Offro il mio tempo per la stesura del Giornale SpazioAmo, per l’organizzazione di eventi a favore della cittadinanza sui temi della malattia, associando arte e letteratura alla divulgazione di modelli assistenziali che valorizzino la dignità dei malati e dei loro famigliari.

DONATELLA POZZETTI: sono presidente dell’Associazione dal 2010. Precedentemente ho lavorato come responsabile del personale presso l’ospedale di Mirandola e l’Azienda Usl di Modena. Ho prestato attività di volontariato presso diverse Associazioni, dopo la morte di mio marito avvenuta per tumore ematologico ho deciso di dedicare il mio tempo all’AMO di Mirandola.

GIULIANA TASSONI: medico di famiglia di Carpi, membro del Direttivo dal … Ho conosciuto l’Associazione attraverso il lavoro di collaborazione che negli anni abbiamo costruito con i colleghi di Mirandola per creare eventi formativi dedicati al tema delle cure palliative. Ho collaborato alla divulgazione delle iniziative per la raccolta fondi ma anche per i progetti della psicologia, delle trasfusioni e delle diverse formazioni dedicate agli operatori.

LUISA TESTI: medico di famiglia di San Possidonio, questo è il mio primo mandato come membro dell’Associazione. Desidero portare la mia competenza come medico che da anni assiste i pazienti al domicilio per valorizzare iniziative che migliorino sempre di più la comunicazione con i pazienti e le famiglie.